Sergio Buccieri Evangelista

Una vita con molto sale!

Molto sale, una vita sbagliata:

https://www.youtube.com/feed/my_videos

Esempio la moglie di Lot.

Genesi 19:26 Ma la moglie di Lot si volse a guardare indietro e diventò una statua di sale.

Il Signor Gesù ci parla di sale e dice:

Matteo 5: 13 «Voi siete il sale della terra; ma se il sale diventa insipido, con che cosa gli si renderà il sapore? A null’altro serve che ad essere gettato via e ad essere calpestato dagli uomini.

Quest’atteggiamento ci parla di non trascurare la nostra testimonianza, perché la nostra vita è condizionata da quello che ci ha vinto, oppure da quello che il nostro cuore desidera, più della PAROLA di Dio; e le nostre scelte mostrano quello che amiamo.

 

IN QUESTO CASO COME LA MOGLIE DÍ LOT:

Gesù ci dice di non guardare indietro:

Luca 9: 62 Gesù gli disse: «Nessuno che ha messo la mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».

Anche questo fa parte della nostra testimonianza, la quale non dobbiamo trascurare quei particolari che il Signor Gesù ci dice; difatti la sua PAROLA pronunciata e quella che si adempirà.

La PAROLA di DIO ci dice, che per mezzo del Figlio di DIO, noi abbiamo la vita:

1 Giovanni 5: 12 Chi ha il Figlio, ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la vita.

Lui ci esorta ad amarlo, perché per mezzo dell’amore verso di lui, noi possiamo osservare la sua PAROLA:

Giovanni 14:21 Chi ha i miei comandamenti e li osserva, è uno che mi ama; e chi mi ama sarà amato dal Padre mio; e io lo amerò e mi manifesterò a lui».

Perché, amando DIO, noi siamo disposti a vivere per fede; e la fede ci fa praticare la volontà di DIO, che è di vivere santi come lui è Santo. Cosi la nostra testimonianza acquista un buon profumo, e possiamo dire: Che noi siamo il sale della terra.

Mentre coloro che vivono senza questi principi, la loro vita si può riempire di molto sale, che è: orgoglio, stoltezza, vanità, autocompassione. 

Non apprezzano la chiamata, e quindi non si santificano, sono idolatri, pigri nelle cose del Signore; non danno spontaneamente, non sono costanti nella preghiera, non sono costanti nei culti, trovano difetto nei fratelli e le sorelle, non sono sottomessi alle autorità governative, e quindi si procurano del male, e poi se la prendono con i credenti che vivono per fede.

Mentre il Signore ci esorta a osservare la sua PAROLA:

Proverbi 4: 4 egli mi ammaestrava e mi diceva: «Il tuo cuore ritenga le mie parole; custodisci i miei comandamenti e vivrai. 

Nel nuovo testamento, Gesù ci parla di non guardare indietro:

Luca 9: 62 Gesù gli disse: «Nessuno che ha messo la mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».

Luca 9:59-61

59 Poi disse ad un altro: «Seguimi!». Ma quello rispose: «Signore, permettimi prima di andare a seppellire mio padre».

60 Gesù gli disse: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; ma tu va’ ad annunziare il regno di Dio».

61 Ancora un altro gli disse: «Signore, io ti seguirò, ma permettimi prima di congedarmi da quelli di casa mia».

 

2 Corinzi 9:7-11

7 Ciascuno faccia come ha deliberato nel suo cuore, non di malavoglia né per forza, perché Dio ama un donatore allegro.

8 Ora Dio è potente di fare abbondare in voi ogni grazia affinché, avendo sempre il sufficiente in ogni cosa, voi abbondiate per ogni buona opera,

9 come sta scritto: «Egli ha sparso, egli ha dato ai poveri, la sua giustizia dura in eterno».

10 Or colui che fornisce la semente al seminatore e il pane da mangiare, ve ne provveda e moltiplichi pure la vostra semente, ed accresca i frutti della vostra giustizia;

11 allora sarete arricchiti per ogni liberalità, che per nostro mezzo produrrà rendimento di grazie a Dio.

 

Ogni credente che crede al Signor Gesù e poi si volge al passato muore:

2 Corinzi 7: 10 La tristezza secondo Dio infatti produce ravvedimento a salvezza, che non ha rimpianto; ma la tristezza del mondo produce la morte.

 

Ogni persona che il Signore chiama al suo servizio e questi non vuole osservare la sua PAROLA, non può ricevere la benedizione voluta da DIO.

 

Genesi 18: 19 Io infatti l’ho scelto, perché ordini ai suoi figli e alla sua casa dopo di lui di seguire la via dell’Eterno, mettendo in pratica la giustizia e l’equità, perché l’Eterno possa compiere per Abrahamo ciò che gli ha promesso». (Si può mettere il proprio nome).

 

Tutti quelli che si volgono indietro; tornare indietro significa: Valutare più quello che hanno lasciato e perduto a causa del vangelo, che la vita vissuta insieme al Signore e le sue benedizioni, insieme alla famiglia di DIO.

 

2 Timoteo 4: 10 perché Dema mi ha lasciato, avendo amato il mondo presente, e se n’è andato a Tessalonica;

 

Coloro che vogliono guardare indietro, sono presi dalla loro concupiscenza, e quindi peccano volontariamente; e noi sappiamo che il peccato mena alla morte.

 

Romani 6 23 Infatti il salario del peccato è la morte.

 

Le conseguenze di tornare indietro, sono brutte; la Bibbia attesta

che coloro che hanno conosciuto e gustato il Signore; cioè la pace di DIO, e fatti partecipi dello Spirito Santo, cioè hanno creduto che Gesù è il Figlio di DIO, che Cristo è la verità, hanno confessato di essere peccatori nella presenza del Signore, e poi decidono di tornare indietro, come la mogli di Lot.

 

Questi crocifiggono personalmente il Figlio di DIO, quindi diventano una statua di sale;

cioè non servono più per la fede cristiana, il Signor Gesù non li può più usare per il suo servizio.

 

Ebrei 6: 4

Quelli infatti che sono stati una volta illuminati, hanno gustato il dono celeste, sono stati fatti partecipi dello Spirito Santo

5 e hanno gustato la buona parola di Dio e le potenze del mondo a venire,

6 se cadono, è impossibile riportarli un’altra volta al ravvedimento, poiché per conto loro crocifiggono nuovamente il Figlio di Dio e lo espongono a infamia

 

Ogni credente che torna indietro, come la moglie di Lot, non può più sperare in un altro sacrificio da parte di DIO:

 

Ebrei 10: 26 Infatti, se noi pecchiamo volontariamente dopo aver ricevuto la conoscenza della verità, non rimane più alcun sacrificio per i peccati.

 

L’idolo impedisce al credente il cammino nelle vie del Signore, perciò tutti quelli che tornano indietro, hanno nei loro cuori idoli:

 

Ezechiele 14:33 Figlio d’uomo, questi uomini hanno eretto i loro idoli nel loro cuore e hanno posto davanti a sé l’intoppo che li fa cadere nell’iniquità. Mi lascerò dunque consultare da costoro?

 

L’idolo in sé stesso, non può far nulla, perché; né vedono, né parlano, né camminano, né ascoltano, né possono salvare, né possono fare del male, né possano fare del bene:

 

Geremia 10:3-5

3 Poiché i costumi dei popoli sono vanità: infatti uno taglia un albero dal bosco, il lavoro delle mani di un operaio con l’ascia.

4 Lo adornano d’argento e d’oro, lo fissano con chiodi e martelli perché non si muova.

5 Stanno diritti come una palma e non possono parlare; bisogna portarli, perché non possono camminare. Non abbiate paura di loro, perché non possono fare alcun male, né è in loro potere fare il bene».

 

I cuori di coloro che tornano indietro, non sono sincere verso DIO, e quindi hanno paura che le loro opere vengono svelate. Gesù nel vangelo di Giovanni, rivela il perché le persone non vogliono aver a che fare con DIO:

 

Giovanni 3:20 Infatti, chiunque fa cose malvagie odia la luce e non viene alla luce, affinché le sue opere non siano riprovate. Questi sono coloro che tornano indietro, si potrebbe fare una lunga lista, di quello che fanno e ricevono.

 

Mentre coloro che proseguano il cammino, non soltanto sono beati

 

Matteo 5: 11 Beati sarete voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia.

 

Ma DIO non farà mancare nulla a tutti quelli che credono nella sua parola

Salmo 34. 9 Temete l’Eterno, voi suoi santi, poiché nulla manca a quelli che lo temono.

 

Sono fiorente come la palma

Salmo 92:12 Il giusto fiorirà come la palma, crescerà come il cedro del Libano.

 

Sono stabili come la quercia

Isaia 61: 3 per accordare gioia a quelli che fanno cordoglio in Sion, per dare loro un diadema invece della cenere, l’olio della gioia invece del lutto, il manto della lode invece di uno spirito abbattuto, affinché siano chiamati querce di giustizia, la piantagione dell’Eterno per manifestare la sua gloria.

 

Sono alberi che non appassiscono

Salmo 1: 3 Egli sarà come un albero piantato lungo i rivi d’acqua, che dà il suo frutto nella sua stagione e le cui foglie non appassiscono; e tutto quello che fa prospererà.

 

Sono persone fiduciose

Marco 4:31,32

31 Esso è simile a un granello di senape che, quando è seminato in terra, è il più piccolo di tutti i semi che sono sulla terra;

32 ma, dopo che è stato seminato, cresce e diventa il più grande di tutte le erbe, e mette rami così grandi che gli uccelli del cielo possono ripararsi sotto la sua ombra».

 

Sono persone che portano frutto abbondante

Marco 4: 20 Ma quelli che hanno ricevuto il seme in buon terreno, sono coloro che odono la parola, la ricevono e portano frutto, chi il trenta, chi il sessanta e chi il cento».

 

Anche di questi credenti si può fare una lunga lista, di quello che fanno e il frutto che portano del continuo; la volontà di DIO è, che nessuno se ne perda.

 

Giovanni 3: 39 È questa la volontà del Padre che mi ha mandato: che io non perda niente di tutto quello che egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno.

 

Ma ogni credente che ha veramente creduto nel Figlio di DIO,

ed è nato di nuovo, il suo desiderio è:

Che nessuno torni indietro.

 

 

 

 

 

 

La pace del Signor Gesù Cristo sia con tutti voi, che leggete quest’articolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *