Sergio Buccieri Evangelista

Devi nascere di nuovo(condizionato)

2 Timoteo 3:16,17

16 Tutta Scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia,

17 affinché l’uomo di Dio sia compiuto, appieno fornito per ogni opera buona.

 

La nuova nascita

 

La nona sera dopo la conversione ho pregato, la preghiera toccò il cuore di Dio (Dio sia lodato per il suo intervento)

 

Geremia 29:11-14 Poiché io conosco i pensieri che ho per voi, dice l´Eterno, pensieri di pace e non di male, per darvi un futuro e una speranza. M´invocherete e mi verrete a pregare, ed io vi esaudirò. Mi cercherete e mi troverete, perché mi cercherete con tutto il vostro cuore.  Io mi farò trovare da voi, dice l´Eterno.

 

Dissi: Signore, nel mio cuore ho un grande desiderio di vivere diversamente, ma non ci riesco.  Sono peccatore dalla testa ai piedi, sé penso a come parlo, come agisco e mi comporto, io mi odio.

 

Quelle persone mi hanno detto che tu esisti, che vieni e mi togli i peccati, può darsi che gli altri ti conoscono; ma io non so chi sei veramente.

Se esisti, aiutami perché non c`è, la faccio più.  In questo momento ho pensato di cambiare completamente vita, ma nello stesso tempo non sapevo come fare il giorno dopo.

In questo momento, ho sentito che il mio cuore si è rotto in due (ho sentito il rumore come quando si spezza un legno secco).

Subito è sceso su di me un fuoco (com’era successo nella comunità) sentivo che mi adombrava.

 

Luca 1:35 E L’anello rispondendo, le disse: Lo Spirito Santo verrà su di te e la potenza dell´Altissimo ti adombrerà. Mentre scendeva su di me, mi sentivo così accolto come mai nella mia vita; un attimo sfera celestiale. Mi sentivo leggero e meravigliosamente sicuro, dove ero.

 

Poi sentii due mani l’uomo che mi tolsero il peso dalle spalle; persino la camicia si è alzata, in questo momento, mi sono visto andare, cadere nella morte (morire); dopo questo atto, mi vedevo come un piccolo bambino (neonato).

 

Ho esclamato per la prima volta nella mia vita: Alleluia Gesù vive, sono libero dai miei peccati.

 

Lo Spirito Santo mi disse quella sera, tu sei nato di nuovo e il tuo nome è scritto nel libro della vita che è nel cielo, e hai vita eterna.

Così Dio mi diedi un nuovo cuore e un nuovo spirito, affinché possa camminare nei suoi comandamenti.

 

Ezechiele 36:25-27 Spanderò quindi su di voi acqua pura e sarete puri; vi purificherò da tutte le vostre impurità e da tutti i vostri idoli. Vi dorò un cuore nuovo e metterò dentro di voi uno spirito nuovo; toglierò dalla vostra carne il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne. Metterò dentro di voi il mio spirito e vi farò camminare nei miei statuti, e voi osserverete e metterete in pratica i miei decreti.

 

Il giorno dopo prima di fare colazione, ringrazia il Signor Gesù per il cibo, e così s’iniziò un dialogo con la mia famiglia.  Poi ho parlato con i miei clienti di quello che ho vissuto con Gesù.  Che mi ha liberato da tutti i miei peccati.

 

Ho Telefonato diversi conoscenti e dichiarato quello che Gesù fece in me. 

Nel frattempo che leggevo la Parola di Dio, lo Spirito Santo mi ha fatto riflettere su diverse cose; è così ho accettato il consiglio di Dio, ho telefonato e visitato le persone, dove dovevo scusarmi.

 

Il questo tempo mio suocero compiva 65 anni, ci invitò in un ristorante a mangiare.

 

Dissi a mia moglie, sai quello che desidero fare? Dopo che abbiamo cenato, vorrei chiedere scusa a tutti i tuoi parenti di come mi sono comportato e agito nei loro confronti.

 

Così presi diverse rose le ho depose in auto, e dopo che abbiamo cenato, sono andato a prendere le rose.

 

Entrai nella sala, dove eravamo, ho incominciato a chiedere scusa alle persone; in conformità di quello che era accaduto, prima di conoscere Gesù.

Ringraziato sia il Signor Gesù per il suo Spirito Santo, che mi ha dato forza, e così compiere questo atto.

 

Poi arrivato da una mia cognata, mi disse: Sergio quello che stai facendo è molto semplice; se è come dici tu, allora vai fuori, poi rientra e chiedi a noi tutti scusa, perché anche tu hai, fatto cose nei nostri confronti che non dovevi fare, (ma, la persona non fece come disse). 

 

Sono ritornato al mio paese nativo, e anche lì ho potuto ordinare delle cose.

 

Sé un credente nato di nuovo, dà ascolto alla Parola di Dio, non può fare almeno di praticare la sua Parola.

 

Difatti Gesù insegna i suoi discepoli come pregare.

 

Nel Padre nostro è incluso il perdono con condizione; sé noi non perdoniamo agli altri come il Signore ci ha perdonato, neanche Dio ci può perdonare.

 

Matteo 6:9-15 Voi dunque pregate in questa maniera: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome.  Venga il tuo regno.  Sia fatta la tua volontà in terra come in cielo.  Dacci oggi il nostro pane necessario.  E perdona i nostri debiti, come anche noi perdoniamo i nostri debitori.  E guidaci attraverso la tentazione, ma liberaci dal maligno, perché tuo è il regno e la potenza e la gloria in eterno Amen.  Perché se voi perdonate agli uomini, le loro offese, il vostro Padre celeste perdonerà anche a voi.

 

Luca 11:1-4 E avvenne che egli si trovava in un certo luogo a pregare e, come ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: Signore insegnaci a pregare, come Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli.  Ed egli disse loro: Quando pregate, dite: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà sulla terra come il cielo. Dacci di giorno in giorno il nostro pane necessario, e perdona i nostri peccati, perché anche noi perdoniamo ad´ogni nostro debitore; e guidaci attraverso la tentazione, ma liberaci dal maligno.

 

Quindi, se non perdoniamo come dice la scrittura, neanche possiamo ricevere il perdono dei nostri peccati, da parte di Dio.

 

Marco 11:25,26 E quando vi metterete a pregare, sé avete qualche cosa contro qualcuno, perdonate affinché il Padre vostro che è nei cieli, perdonerà i vostri peccati.

 

Colossesi 3:13 Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi, sé uno a qualche lamentela contro un altro; e come Cristo vi ha perdonato, così fate pure voi.

 

Efesini 4:32 Siate invece benigni e misericordiosi gli uni verso gli altri, perdonatevi a vicenda, come anche Dio vi ha perdonato in Cristo.

 

Sé questo non avviene, entra in atto la Parola pronunciata dal Signor Gesù, che dice:

 

Matteo 18:23-35 Perciò il regno dei cieli è simile ad un re, il quale volle fare i conti con i suoi servi. Avendo iniziato a fare i conti, gli fu presentato uno che gli era debitore di diecimila talenti.

E non avendo questi di che pagare, il suo padrone comandò che fosse venduto lui con la sua moglie, i suoi figli e tutto quanto aveva, perché il debito fosse saldato. Allora quel servo, gettatosi a terra, gli si prostrò davanti dicendo: Signore abbi pazienza con me e ti pagherò tutto.

Mosso compassione, il padrone di quel servo lo lasciò andare e gli condonò il debito.  Ma, quel servo, uscito fuori incontro uno dei suoi, conservi, che gli doveva cento denari; e afferratolo per la gola, lo soffocava dicendo: Pagami ciò che mi devi.

Allora il suo conservo, gettatosi ai suoi piedi, lo supplicava dicendo: Abbi pazienza con me, e ti pagherò tutto. Ma, costui non volle, anzi andò e lo fece imprigionare affinché non avesse pagato il debito.

Ora gli altri servi visto quando era accaduto, né furono grandemente rattristati e andarono a riferire al loro padrone tutto ciò che era accaduto. Allora il suo padrone lo chiamò a sé e gli disse:

Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito, perché mi hai supplicato.

Non dovevi anche tu aver pietà del tuo conservo, come io ho avuto pietà di te? E il suo padrone, adiratosi, lo consegnò agli aguzzini finché non avesse pagato tutto quanto, gli doveva.

Così il mio Padre celeste farà a voi sé ciascuno di voi non perdona di cuore al proprio fratello i suoi falli.

 

Nel fare questo, è stato solo possibile per mezzo di Gesù e dello Spirito Santo e del perdono dei miei peccati, perché sé una persona non riceve il perdono dei propri peccati, come fà a perdonare gli altri?  È impossibile.

 

Marco 5.18-20 Mentre egli saliva sulla barca, colui che era stato indemoniato lo pregava di poter rimanere con lui; ma Gesù non glie lo permise; gli disse invece va a casa tua dai tuoi e racconta loro quali grandi cose il Signore ti ha fatto e come ha avuto pietà di te.

Egli se ne andò e incominciò a predicare per la Decapoli tutto quanto Gesù gli aveva fatto; tutti restavano meravigliati.

 

Luca 8:38,39 Intanto l´uomo da cui erano usciti i demoni pregava di poter restare con lui; ma Gesù lo   congedò, dicendo: Ritorna   a   casa   tua   e racconta quali grande cose Dio ha fatto per te. Ed egli sé ne andò per tutta la città proclamando le grandi cose che Gesù aveva fatto per lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *